In questa sezione vengono raccolti alcuni documenti di Enti, Associazioni e Istituzioni con i dati dell’innovazione tecnologica e contenuti significativi per lo sviluppo sostenibile della società e la cultura della manutenzione industriale.
+++
In this section are collected some documents of organizations, associations and institutions with the data of technological innovation and significant contents for the sustainable development of the company and the culture of industrial maintenance.

 

21 gennaio 2020
Piano nazionale integrato per l’energia e il clima (Pniec)
Pub: Ministero dello sviluppo economico –Italia (MISE) (testo italiano, 294 pagine, slides 38 pagine)
Con il Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima vengono stabiliti gli obiettivi nazionali al 2030 sull’efficienza energetica, sulle fonti rinnovabili e sulla riduzione delle emissioni di CO2, nonché gli obiettivi in tema di sicurezza energetica, interconnessioni, mercato unico dell’energia e competitività, sviluppo e mobilità sostenibile, delineando per ciascuno di essi le misure che saranno attuate per assicurarne il raggiungimento. L’attuazione del Piano sarà assicurata dai decreti legislativi di recepimento delle direttive europee in materia di efficienza energetica, di fonti rinnovabili e di mercati dell’elettricità e del gas, che saranno emanati nel corso del 2020.
+++
With the Italian Integrated National Plan for Energy and Climate, the national targets for 2030 on energy efficiency, renewable sources and the reduction of CO2 emissions are established, as well as the objectives in terms of energy security, interconnections, single market of energy and competitiveness, development and sustainable mobility, outlining for each of them the measures that will be implemented to ensure their achievement. The implementation of the Plan will be ensured by legislative decrees transposing European directives on energy efficiency, renewable sources and electricity and gas markets, which will be issued during 2020.
https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/PNIEC_finale_17012020.pdf
https://www.mise.gov.it/images/stories/documenti/WEB_ENERGIACLIMA2030.pdf

20 January 2020
The Future 100
Pub: Wunderman Thompson Intelligence. (english text, 262 pages)
The report on Trends and Change to Watch in 2020 highlights emerging consumer behaviors with 100 trend predictions. Trends span culture, tech and innovation, travel and hospitality, brands and marketing, food and drink, beauty, retail, health, luxury and finance. Each includes an original analysis of why it matters for the organizations whose products and services we use daily. The turn of this new decade is proving a key marker for positive change as consumers and companies are desperate to look beyond the latter part of the 2010s, which was filled with political, economic and environmental instability. People are now banding together, resulting in increased global action and the untabooing of social norms. The reign of Big Tech is coming to an end and companies and figureheads are being held accountable for wider social and environmental issues. For 2020 ethically motivated consumers have created a new value system for brands, one that protects consumers, preserves culture and provides hope (see optimistic futures, p6). They are also inspiring improvements to existing environmental promises.
+++
Il Rapporto sulle tendenze e cambiamenti da tenere d'occhio nel 2020 evidenzia i comportamenti emergenti dei consumatori con 100 previsioni di tendenza. Le tendenze abbracciano cultura, tecnologia e innovazione, viaggi e ospitalità, marchi e marketing, cibo e bevande, bellezza, vendita al dettaglio, salute, lusso e finanza. Ciascuno include un'analisi originale dell’importanza per le organizzazioni i cui prodotti e servizi utilizziamo quotidianamente. La svolta di questo nuovo decennio si sta dimostrando un indicatore chiave per un cambiamento positivo poiché i consumatori e le aziende sono delusi degli ultimi anni, che sono stati di instabilità politica, economica e ambientale. Gli individui ora stanno convergendo, dando luogo a una crescita di azioni globali e all'instaurazione di norme sociali. Il regno di Big Tech sta volgendo al termine e le società sono ritenute responsabili per le più grandi questioni sociali e ambientali. Per il 2020 i consumatori eticamente motivati ​​hanno creato un nuovo sistema di valori per i marchi, che protegga i consumatori, preservi la cultura e fornisca speranza.
https://www.jwtintelligence.com/trend-reports/the-future-100-2020/

20 January 2020
Time to care
Pub: Oxfam International (english text, 63 pages)
Aut: Max Lawson, Anam Parvez Butt, Rowan Harvey, Diana Sarosi, Clare Coffey, Kim Piaget, Julie Thekkudan
Economic inequality is out of control. In 2019, the world’s billionaires, only 2,153 people, had more wealth than 4.6 billion people. This great divide is based on a flawed and sexist economic system that values the wealth of the privileged few, mostly men, more than the billions of hours of the most essential work – the unpaid and underpaid care work done primarily by women and girls around the world. Tending to others, cooking, cleaning, fetching water and firewood are essential daily tasks for the wellbeing of societies, communities and the functioning of the economy. The heavy and unequal responsibility of care work perpetuates gender and economic inequalities. This has to change. Governments around the world must act now to build a human economy that is feminist and values what truly matters to society, rather than fuelling an endless pursuit of profit and wealth. Investing in national care systems to address the disproportionate responsibility for care work done by women and girls and introducing progressive taxation, including taxing wealth and legislating in favour of carers, are possible and crucial first steps.
+++
La disuguaglianza economica è fuori controllo. Nel 2019, i miliardari del mondo, solo 2.153 persone, avevano più ricchezza di 4,6 miliardi di persone. Questa grande divisione si basa su un sistema economico imperfetto e sessista che valorizza la ricchezza di pochi privilegiati, soprattutto uomini, più che i miliardi di ore del lavoro più essenziale: il lavoro di assistenza non retribuito e sottopagato svolto principalmente da donne e ragazze intorno al mondo. Prendersi cura degli altri, cucinare, pulire, recuperare acqua e legna da ardere sono compiti quotidiani essenziali per il benessere delle società, delle comunità e del funzionamento dell'economia. La pesante e diseguale responsabilità del lavoro di cura perpetua le disparità economiche e di genere. Questo deve cambiare. I governi di tutto il mondo devono agire ora per costruire un'economia umana femminista e valorizzare ciò che conta davvero per la società, piuttosto che alimentare una continua ricerca di profitto e ricchezza. Investire nei sistemi di assistenza nazionali per affrontare la responsabilità sproporzionata per il lavoro di cura svolto da donne e ragazze e introdurre una tassazione progressiva, inclusa la tassazione della ricchezza e legiferare a favore degli assistenti, sono possibili e primi passi cruciali.
https://oxfamilibrary.openrepository.com/bitstream/handle/10546/620928/bp-time-to-care-inequality-200120-en.pdf

18 gennaio 2020
Tech Trend 2020
Pub: Key4Biz. (testo italiano, 56 pagine)
Nel corso del 2019, il termine più usato (e forse in qualche modo abusato) è stato quello dell’Intelligenza Artificiale (IA), assieme ad altri termini come 5G, Blockchain, Machine learning, Quantum computing, ma a farla da padrone sono stati i tradizionali campi operativi dell’economia digitale, molti dei quali ormai giunti ad un livello di piena maturità. Nei Tech Trend 2020 sono distinte le aree tecnologiche in paragrafi, anche se è ben noto il livello di interdipendenza e sovrapposizione funzionale di molte tecnologie. Da sottolineare come al cuore del sistema, anche in questo 2020 appena iniziato, non vi sarà la tecnologia, ma le persone. Il 2020 sarà anche un anno forse cruciale nel giro di boa della definitiva condivisione ed internazionalizzazione del futuro. La parola d’ordine sarà l’interdipendenza e le soluzioni ai problemi crescenti del mondo non potranno essere assunte da un solo Paese.
+++
During 2019, the most used (and perhaps somewhat abused) term was that of Artificial Intelligence (AI), together with other terms such as 5G, Blockchain, Machine learning, Quantum computing, but they were the masters the traditional fields of operation of the digital economy, many of which have now reached a level of full maturity. In the Tech Trends 2020, the technological areas are divided into paragraphs, although the level of interdependence and functional overlap of many technologies is well known. To underline how at the heart of the system, even in this 2020 that has just started, there will be no technology, but people. 2020 will also be a perhaps crucial year in the turning point of the definitive sharing and internationalization of the future. The watchword will be interdependence and the solutions to the world's growing problems cannot be taken by a single Country.
https://www.key4biz.it/wp-content/uploads/2020/01/TECH-TREND-2020-DEF.pdf

January 15, 2020
The Global RisksReport 2020
Pub: World Economic Forum. (english text, 102 pages)
The 15th edition of the World Economic Forum’s Global Risks Report is published as critical risks are manifesting. The global economy is facing an increased risk of stagnation, climate change is striking harder and more rapidly than expected, and fragmented cyberspace threatens the full potential of next-generation technologies — all while citizens worldwide protest political and economic conditions and voice concerns about systems that exacerbate inequality. The challenges before us demand immediate collective action, but fractures within the global community appear to only be widening. Stakeholders need to act quickly and with purpose within an unsettled global landscape.
+++
La 15a edizione del Rapporto sui rischi globali del World Economic Forum viene pubblicata quando si manifestano rischi critici. L'economia globale sta affrontando un aumentato rischio di stagnazione, i cambiamenti climatici stanno colpendo più duramente e più rapidamente del previsto, e il cyberspazio frammentato minaccia il pieno potenziale delle tecnologie di prossima generazione, il tutto mentre i cittadini di tutto il mondo protestano contro le condizioni politiche ed economiche e esprimono preoccupazioni per i sistemi che esacerbano la disuguaglianza. Le sfide che ci attendono richiedono un'azione collettiva immediata, ma le fratture all'interno della comunità globale sembrano solo allargarsi. Le parti interessate devono agire rapidamente e con uno scopo all'interno di un panorama globale instabile.
http://www3.weforum.org/docs/WEF_Global_Risk_Report_2020.pdf

January 10, 2020
Tech Distribution 2025
Pub: Global Technology Distribution Council (GTDC). (english text, 14 pages)
The GTDC commissioned Vation to research and develop this report due to the firm’s unique perspective on key participants in the IT value chain, from venture capitalists and OEMs – including emerging and established vendor partners – to the central role of distributors, the solution providers they serve and, of course, end customers. This is the GTDC’s first report to look at all of these dimensions to channel business and what to expect from distributors in the years ahead. In addition to conducting in-depth interviews with leaders from all dimensions of the technology ecosystem, Vation gathered detailed survey responses from more than 50 top executives on the most important drivers for distribution partnership success today and expectations over the next five years.
+++
Il Comitato di Distribuzione Tecnologica Globale (GTDC) ha commissionato a Vation la ricerca e lo sviluppo di questo rapporto per studiare la prospettiva dei principali partecipanti alla catena del valore IT, compresi i partner di fornitori emergenti fino al ruolo centrale dei distributori, i fornitori di soluzioni utili e naturalmente i clienti finali. Questo è il primo rapporto del GTDC per esaminare tutte queste dimensioni, per incanalare il business e prevedere che cosa aspettarsi dai distributori negli anni a venire. Oltre a condurre interviste approfondite con i leader di tutti i settori della tecnologia di ecosistema, Vation ha raccolto risposte dettagliate al sondaggio da oltre 50 top executive sui principali driver per il successo della partnership distributiva oggi e le aspettative per i prossimi cinque anni.
https://gtdc.org/wp-content/uploads/2019/11/GTDC-Report_Tech-Distribution-2025-1.pdf

January 9, 2020
Global Economic Prospects. Slow Growth, Policy Challenges.
Pub: The World Bank Group. (english text, 334 pages)
Global growth is expected to edge up to 2.5 percent in 2020—up slightly from the post-crisis low of 2.4 percent registered last year—as trade and investment gradually recover. The recovery in global growth will reflect an expected pickup in emerging market and developing economies (EMDEs), which are projected to grow 4.1 percent this year. However, this will largely depend on a rebound in a small number of large EMDEs, most of which are emerging from deep recessions or sharp slowdowns. While growth could be stronger if reduced trade tensions lead to a sustained reduction in uncertainty, the balance of risks is to the downside. In an environment of limited macroeconomic policy space compounded by high debt levels, EMDEs need to foster inclusive and sustainable growth by undertaking reforms to bolster governance and business climates, improve tax policy, promote trade integration, and rekindle productivity growth, while protecting vulnerable groups.
+++
Si prevede che la crescita globale raggiungerà il 2,5 per cento nel 2020, in leggero aumento rispetto al minimo post-crisi del 2,4 per cento registrato lo scorso anno, con il progressivo recupero di commercio e investimenti. La ripresa della crescita globale rifletterà una ripresa attesa nei Mercati Emergenti e nelle Economie in via di Sviluppo (EMDE), che dovrebbero crescere del 4,1 per cento quest'anno. Tuttavia, ciò dipenderà in gran parte da un rimbalzo in un piccolo numero di grandi EMDE, la maggior parte dei quali sta emergendo da profonde recessioni o bruschi rallentamenti. Mentre la crescita potrebbe essere più forte se le tensioni commerciali portassero a una riduzione sostenuta dell'incertezza, il saldo dei rischi è al ribasso. In un contesto di spazio politico macroeconomico limitato, aggravato da elevati livelli di debito, gli EMDE devono favorire la crescita inclusiva e sostenibile intraprendendo riforme per rafforzare la governance e il clima degli affari, migliorare la politica fiscale, promuovere l'integrazione commerciale e riaccendere la crescita della produttività, proteggendo nel contempo i gruppi vulnerabili .
https://www.worldbank.org/en/publication/global-economic-prospects

 

January 7, 2020
Recharge EU
Pub: Transport & Environment - European Federation for Transport and Environment AISBL  (english text, 68 pages)
To set an effective future-proof infrastructure framework, T&E has designed a new methodology -called the Public Charging Supply metric -on how to count and mandate infrastructure deployment across the member states in the new regulation. Instead of simply counting each charge point as one, T&E’s Supply Metric proposes to weigh charge points based how much energy they can provide to the electric vehicle fleet and how available they are to the public. This metric should be used to set the EU public charging infrastructure deployment targets for each country for 2025 and 2030, corresponding to 1.3 million public charge points EU-wide in 2025 and close to 3 million in 2030. In total this would require investment of €1.8 billion in the year 2025, or only 3% of the EU’s annual investment in road transport infrastructure.
+++
Per stabilire un efficace framework infrastrutturale a prova di futuro, T&E ha progettato una nuova metodologia, chiamata Metrica di fornitura di servizi di ricarica pubblica, su come contare e imporre la distribuzione dell'infrastruttura negli Stati membri nelle nuove regolamentazioni. Invece di contare semplicemente ogni punto di ricarica come uno, la metrica di fornitura di T&E propone di ponderare i punti di ricarica in base alla quantità di energia che possono fornire alla flotta di veicoli elettrici e alla loro disponibilità al pubblico. Questa metrica dovrebbe essere utilizzata per fissare gli obiettivi di implementazione dell'infrastruttura di tariffazione pubblica dell'UE per ciascun Paese per il 2025 e il 2030, corrispondenti a 1,3 milioni di punti di ricarica pubblica in tutta l'UE nel 2025 e vicini a 3 milioni nel 2030. In totale questo richiederebbe investimenti di 1,8 miliardi di euro nell'anno 2025, ovvero solo il 3% degli investimenti annuali dell'UE nelle infrastrutture di trasporto stradale.
https://www.transportenvironment.org/sites/te/files/publications/01%202020%20Draft%20TE%20Infrastructure%20Report%20Final.pdf