In questa sezione vengono raccolte le notizie che riguardano incontri e principali conferenze organizzate dalla Fondazione Salvetti o con il suo supporto.

This section contains the news regarding the main conferences and meetings organized by the Salvetti Foundation or with its support.

Meeting Fondazione Salvetti
Milano, 24 giugno 2019
Smart citizen e amministrazione pubblica
Incontro garbato e interessante con Roberta Cocco, Assessore al Comune di Milano per la Trasformazione digitale e Servizi civici; una lunga carriera in Microsoft in vari ruoli fino a essere Direttore Marketing Centrale; dal 2014 è stata Direttore Piani di Sviluppo Nazionale per Western Europe, promuovendo progetti di innovazione per lo sviluppo e la messa in atto dell’Agenda Digitale con i Governi e le Istituzioni nelle 12 Nazioni dell’area, dal Portogallo alla Finlandia. Dal 2004, con ‘futuro@lfemminile’, si occupa di progetti per colmare il divario di genere attraverso l’ICT in stretta collaborazione con organizzazioni internazionali Pubbliche e Private tra cui United Nation Women, UNESCO, ITU, UNRIC. Dal febbraio 2006 è Professore Incaricato del corso di “Brand Management e Comunicazione” presso la Laurea Specialistica in Marketing della Università LIUC di Castellanza (Varese). Nel 2016 entra a far parte della Giunta di Milano.
Roberta Cocco è certamente una professionista preparata per organizzare presente e futuro dell’amministrazione pubblica. Agli amici della Fondazione Salvetti ha raccontato il suo esordio professionale e come è stata contattata dal Sindaco Giuseppe Sala per partecipare alla Giunta e occuparsi della digitalizzazione dell’amministrazione. Oggi Milano condivide progetti con altre città italiane ed europee ed è inserita nei network internazionali dello sviluppo sostenibile. A Milano sono due i grandi eventi di cui Roberta Cocco si è fatta organizzatrice: “Digital week” (una settimana di incontri sull’intelligenza urbana e sull’intelligenza collettiva) e “Stem in the City” (eventi per promuovere le materie tecnico-scientifiche e diffondere la cultura digitale). La tecnologia non è un fine, ma un mezzo per conquistare una migliore qualità di vita. Perciò Roberta Cocco ha organizzato un Piattaforma per accelerare lo sviluppo, la ricerca, il sociale, si è basta su una Visione con il cittadino al centro delle attenzioni pubbliche, e ha voluto ridisegnare i Servizi in chiave digitale. Nello scenario di uno sviluppo sostenibile sono stati messi al centro dell’attenzione soprattutto alcuni degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle nazioni Unite: Istruzione di qualità, Uguaglianza di genere, Innovazione industriale e infrastrutture, Città e comunità sostenibili, Partnership per gli obiettivi. Tutto ciò con l’intento di avviare un Cruscotto di servizio per i cittadini che consenta di accedere a un completo fascicolo anagrafico, economico, fiscale, amministrativo, integrato dalle diverse banche dati disponibili. Il futuro potrebbe essere semplificato con il semplice uso di una telefono portatile e così Roberta Cocco spiega il suo slogan: “Mobile first, one click!”.
Nell’occasione della Conferenza sono intervenuti, tra gli altri, Remo Lucchi (sociologo presidente di Eumetra) e Saverio Albanese (dirigente Eni e presidente dell’Associazione Italiana Manutenzione).

Salvetti Foundation Meeting
Milan, June 24th, 2019
Smart citizen and public administration
Graceful and interesting meeting with Roberta Cocco, Councilor for the Municipality of Milan for Digital Transformation and Civic Services; a long career at Microsoft in various roles up to being Central Marketing Director; since 2014 she has been Director of National Development Plans for Western Europe, promoting innovation projects for the development and implementation of the Digital Agenda with Governments and Institutions in the 12 Countries of the area, from Portugal to Finland. Since 2004, with the ‘future@lfemminile’, he has been working on projects to bridge the gender gap through ICT in close collaboration with international Public and Private organizations including United Nation Women, UNESCO, ITU, UNRIC. Since February 2006 he has been a Professor of "Brand Management and Communication" at the Master's Degree in Marketing of the LIUC University of Castellanza (Varese). In 2016 he joined the Milan City Council.
Roberta Cocco is certainly a professional prepared to organize the present and future of the public administration. He told his friends at the Salvetti Foundation about his professional debut and how he was contacted by the Mayor Giuseppe Sala to take part in the council and take care of the administration digitalization. Today Milan shares projects with other Italian and European cities and is included in the international networks of sustainable development. In Milan there are two major events that Roberta Cocco has become organizer: "Digital week" (a week of meetings on urban intelligence and collective intelligence) and "Stem in the City" (events to promote science and spread the digital culture). Technology is not an end, but a means to achieve a better quality of life, so Roberta Cocco has organized a Platform to accelerate development, research, and social issues, it is enough to have a Vision with the citizen at the center of public attention, and wanted to redesign the Services in a digital key. In the scenario of sustainable development, some of the goals of the United Nations' 2030 Agenda were put at the center of attention: Quality education, Equality of gender, Industrial innovation and infrastructure, Sustainable cities and communities, Partnerships for objectives. All this with the aim of starting a service dashboard for citizens that allows access to a complete registry, economic, fiscal, administrative file, supported the various databases available. The future could be simplified with the simple use of a mobile phone and so Roberta Cocco explains its slogan: "Mobile first, one click!".
On the Conference, among others, were Remo Lucchi (sociologist, president of Eumetra) and Saverio Albanese (Eni manager and president of the Italian Maintenance Association).

Meeting Fondazione Salvetti
Milano, 20 maggio 2019
Rischi globali e sviluppo industriale, economico e sociale sostenibile.
Incontro con Gianni Bottalico, Responsabile ASviS delle Relazioni con le Regioni e i Comuni

La missione dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS) è quella di far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, allo scopo di: favorire lo sviluppo di una cultura della sostenibilità a tutti i livelli, orientando a tale scopo i modelli di produzione e di consumo; analizzare le implicazioni e le opportunità per l’Italia legate all’Agenda per lo sviluppo sostenibile; contribuire alla definizione di una strategia italiana per il conseguimento degli SDGs (Sustainable Development Goals) (anche utilizzando strumenti analitici e previsivi che aiutino la definizione di politiche per lo sviluppo sostenibile) e alla realizzazione di un sistema di monitoraggio dei progressi dell’Italia verso gli SDGs.
In particolare, si svolgerà in tutta Italia, dal 21 maggio al 6 giugno 2019, la terza edizione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, una grande iniziativa per sensibilizzare e mobilitare cittadini, giovani generazioni, imprese, associazioni e istituzioni sui temi della sostenibilità economica, sociale e ambientale, diffondere la cultura della sostenibilità e realizzare un cambiamento culturale e politico. Convegni, seminari, workshop, mostre, spettacoli, eventi sportivi, presentazioni di libri, documentari e molto altro ancora: centinaia di iniziative (sono state 702 nel 2018) proposte a un pubblico variegato per coinvolgere, includere e dare voce alla società italiana.
http://asvis.it/goal-e-target-obiettivi-e-traguardi-per-il-2030/
http://asvis.it/festival/

Salvetti Foundation Meeting
Milano, May 20th, 2019
Global risks and sustainable industrial, economic and social development.
Meeting with Gianni Bottalico, ASviS Manager of Relations with Regions and Municipalities
The mission of the Italian Alliance for Sustainable Development (ASviS) is to make the awareness of the importance of the 2030 Agenda for Sustainable Development grow in Italian society, economic subjects and institutions in order to: promote the development of a culture of sustainability at all levels, directing production and consumption models for this purpose; analyze the implications and opportunities for Italy linked to the Agenda for sustainable development; contribute to the definition of an Italian strategy for the achievement of the SDGs (Sustainable Development Goals) (also using analytical and forecasting tools that help the definition of policies for sustainable development) and the creation of a system to monitor Italy's progress towards SDGs.
In particular, the third edition of the Sustainable Development Festival will take place throughout Italy, from 21 May to 6 June 2019, a major initiative to raise awareness and mobilize citizens, young generations, businesses, associations and institutions on the issues of economic, social sustainability and environmental, spread the culture of sustainability and achieve a cultural and political change. Conferences, seminars, workshops, exhibitions, shows, sporting events, book presentations, documentaries and much more: hundreds of initiatives (702 in 2018) proposed to a diverse audience to involve, include and give voice to Italian society.
http://asvis.it/goal-e-target-obiettivi-e-traguardi-per-il-2030/
http
://asvis.it/festival/

CONFERENZA DELLA FONDAZIONE SALVETTI
PER IL FORUM GIOVANI SCIENZIATI
Milano, 18 marzo 2019
Nello Spazio per la Terra. Incontro con Paolo Nespoli, astronauta.
Paolo Nespoli ha spiegato perché andiamo nello spazio, come ci si prepara ad una missione di lunga durata, come si svolge la giornata a bordo, e ha illustrato alcuni degli esperimenti realizzati durante le sue tre missioni spaziali a bordo della Stazione Internazionale, evidenziando il loro impatto sulla scienza e sulla tecnologia a favore dell’umanità. Molte immagini dei viaggi spaziali di Paolo Nespoli sono disponibili su YouTube.
Paolo Nespoli è nato a Milano nel 1957 ed è cresciuto in Brianza dove la sua famiglia risiede. Si è diplomato nel 1977 al Liceo scientifico. Nello stesso anno entra alla Scuola militare di paracadutismo di Pisa, dove ottiene la qualifica di sottufficiale istruttore. Nel 1980 fa parte delle Forze speciali italiane, diventando incursore paracadutista. Dal 1982 al 1984 viene inviato in Libano nella Forza multinazionale di pace. Decide di lasciare l’Esercito e iscriversi alla Polytechnic University di New York e ottiene il Bachelor of Science e il Master of Science in Aeronautica e Astronautica. Ritorna in Italia e lavora come Ingegnere disegnatore per poi essere assunto dal Centro Astronauti Europeo dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), a Colonia in Germania, come Ingegnere addetto all’addestramento degli astronauti. Nel 1998 viene selezionato come astronauta dall’Agenzia Spaziale Italiana e distaccato al Johnson Space Center della NASA a Houston. Il suo primo volo nello spazio è nel 2007: STS-120 - una missione di corta durata sullo Space Shuttle per l’assemblaggio della Stazione Spaziale Internazionale (ISS).  Nel 2010-11 vola sulla ISS con la navicella russa Soyuz nella missione di lunga durata Expedition-26/27, e di nuovo nel 2017 per la Expedition-52/53. Complessivamente trascorre 313 giorni nello spazio. È autore del libro, edito da Mondadori ‘Dall’alto i problemi sembrano più piccoli’, in cui racconta la sua esperienza nello spazio e le lezioni di vita che ne ha ricavato. C’è pure un docu-film a lui dedicato: ‘Expedition’, documentario che segue passo dopo passo il suo addestramento per la missione spaziale Expedition-52/53 (missione VITA). Nel 2015 gli viene conferito presso la Camera dei Deputati il Premio America della Fondazione Italia-USA. Nel 2018 riceve il ‘Premio Scienza Giovani’ dalla Società italiana della scienza e dell’ingegneria (SIdSI).

CONFERENCE OF THE SALVETTI FOUNDATION
FOR THE YOUNG SCIENTISTS FORUM
Milan, March 18th, 2019
In Space for the Earth. Meeting with Paolo Nespoli, astronaut.
Paolo Nespoli explained why we go into space, how to prepare for a long-term mission, how the day is carried on board, and illustrated some of the experiments carried out during his three space missions on board the International Station, highlighting their impact on science and technology for humanity. Many images of Paolo Nespoli's space travel are available on YouTube.
Paolo Nespoli was born in Milan in 1957 and grew up in Brianza where his family resides. He graduated in 1977 at the Scientific High School. In the same year he entered the Military Parachuting School of Pisa, where he obtained the qualification of Instructor. In 1980 he joined the Italian Special Forces, becoming a paratrooper raider. From 1982 to 1984 he was sent to Lebanon in the Multinational Peace Force. He decides to leave the Army and enroll in the Polytechnic University of New York and obtains a Bachelor of Science degree and a Master of Science degree in Aeronautics and Astronautics. He returned to Italy and worked as a draftsman engineer, before being hired by the European Astronaut Center of the European Space Agency (ESA), in Cologne, Germany, as an astronaut training engineer. In 1998 he was selected as an astronaut by the Italian Space Agency and placed to NASA's Johnson Space Center in Houston. His first space flight is in 2007: STS-120 - a short-lived mission on the Space Shuttle for the International Space Station (ISS) assembly. In 2010-11 it flies on the ISS with the Russian Soyuz spacecraft in the long-term mission Expedition-26/27, and again in 2017 for Expedition-52/53. Altogether he spent 313 days in space. He is the author of the book, published by Mondadori "Dall’alto i problemi sembrano più piccoli", in which he recounts his experience in space and the lessons of life he has learned from it. There is also a documentary film dedicated to him: ‘Expedition’, a documentary that follows step by step his training for the Expedition-52/53 space mission (VITA mission). In 2015 he was awarded the America-USA Foundation's America Award at the Chamber of Deputies. In 2018 he received the "Youth Science Award" from the Italian Society of Science and Engineering (SIdSI).

CONFERENZA DELLA FONDAZIONE SALVETTI
PER IL FORUM GIOVANI SCIENZIATI
Milano, 7 novembre 2018
La prima luce dell'universo. Incontro con Marco Bersanelli, astrofisico.
Fin dall'antichità l'uomo si è interrogato su quale fosse l'origine, l'estensione e la natura dell'universo. La cosmologia moderna, sostenuta da straordinari progressi tecnologici, consente di sondare le profondità dello spazio-tempo fino a scandagliarne i limiti. Le recenti osservazioni del telescopio spaziale Planck dell'ESA, Agenzia Spaziale Europea, offrono immagini ad alta definizione dell'universo primordiale, in un'epoca che risale a 13,8 miliardi di anni fa. Lo studio approfondito di tali informazioni consente di indagare con precisione straordinaria prima impossibile l'evoluzione, la composizione e la geometria dell'universo. Nuovi esperimenti attualmente in preparazione permettono di verificare la presenza di onde gravitazionali primordiali sprigionate nelle primissime frazioni di secondo dopo il big bang.
Marco Bersanelli è Professore Ordinario di Fisica e Astrofisica all’Università di Milano. Si occupa di cosmologia e in particolare di misure del fondo cosmico di microonde, la prima luce dell’universo. Dopo gli studi in fisica a Milano frequenta il Lawrence Berkeley Laboratory in California; partecipa a due spedizioni scientifiche alla base Amundsen–Scott al Polo Sud. E’ fra i principali responsabili scientifici della missione spaziale Planck dell’ESA, lanciata nel 2009, con la quale ottiene risultati fondamentali per la cosmologia e per l’astrofisica millimetrica. E’ autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche e di una vasta produzione a carattere divulgativo e interdisciplinare. Tra i molti incarichi si segnalano: direttore della Scuola di Dottorato in Fisica, Astrofisica e Fisica Applicata all’Università di Milano (2009-16); membro del Consiglio scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (2005-06); vice-presidente del Consorzio interuniversitario di Fisica Spaziale (2003-12); membro del Search Committee di ANVUR e del panel per Advanced European Research Council Grants; dal 2011 al 2015 è Scientific Advisor per l’Italia al Science Program Committee dell’ESA. E’ promotore di mostre didattiche, conferenze scientifiche e culturali, di una serie di convegni a livello internazionale. Dal 2012 è presidente della Fondazione Sacro Cuore per l’educazione dei giovani.

CONFERENCE OF THE SALVETTI FOUNDATION
FOR THE YOUNG SCIENTISTS FORUM
Milan, November 7th, 2018
The first light of the universe. Meeting with Marco Bersanelli, astrophysicist.
Since ancient times man has wondered about the origin, extent and nature of the universe. Modern cosmology, supported by extraordinary technological advances, allows us to probe the depths of space-time until we find the limits. Recent observations by ESA's Planck Space Telescope, the European Space Agency, offer high-definition images of the early universe, in an age dating back to 13.8 billion years ago. The in-depth study of this information allows us to investigate the evolution, composition and geometry of the universe with extraordinary precision before impossible. New experiments currently in preparation allow to verify the presence of primordial gravitational waves released in the very first fractions of a second after the Big Bang.
Marco Bersanelli is Full Professor of Physics and Astrophysics at the University of Milan. He deals with cosmology and in particular with measurements of the cosmic microwave background, the first light of the universe. After studying physics in Milan, he attended the Lawrence Berkeley Laboratory in California; participates in two scientific expeditions at the Amundsen – Scott base at the South Pole. It is among the main scientific leaders of the ESA Planck Space Mission, launched in 2009, with which it obtains fundamental results for cosmology and millimetric astrophysics. He is the author of over 300 scientific publications and a vast production of an informative and interdisciplinary nature. Among the many positions we mention: Director of the Doctoral School in Physics, Astrophysics and Applied Physics at the University of Milan (2009-16); member of the Scientific Council of the National Institute of Astrophysics (2005-06); vice-president of the Inter-University Consortium for Space Physics (2003-12); member of the Search Committee of ANVUR and of the panel for Advanced European Research Council Grants; from 2011 to 2015 he is Scientific Advisor for Italy to the ESA Science Program Committee. He is the promoter of educational exhibitions, scientific and cultural conferences, of a series of international conferences. Since 2012 he is President of the Sacro Cuore Foundation for the education of young people.

CONFERENZA DELLA FONDAZIONE SALVETTI
PER IL FORUM GIOVANI SCIENZIATI
Milano, 25 marzo 2018
Il futuro non è più quello di una volta. Incontro con Remo Lucchi, sociologo.
Sono evidenti i cambiamenti sociali di portata storica degli ultimi 10-15 anni, che mettono in discussione la sostanziale continuità che il mondo ha sempre avuto. Coloro che intendono diventare protagonisti del futuro devono conoscere gli esiti di ricerche che stanno analizzando quanto è accaduto, sta avvenendo, succederà sempre di più con inevitabili conseguenze. Il relatore si sofferma sui seguenti temi: le cause che hanno determinato gli accadimenti; le conseguenze sulla ridefinizione del progetto dello stile di vita delle persone; le implicazioni di tale nuovo progetto sull’intero sistema dell’offerta (beni, prodotti, servizi, comunicazione, politica ...). In sostanza stanno saltando tutte le logiche di dipendenza che la Domanda (la gente) ha sempre avuto nei confronti dell’Offerta, creando una “orizzontalità” sorprendente nei risultati. Remo Lucchi ha in particolare richiamato l’attenzione sull’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, dedicata alla sviluppo sostenibile. Le slide della conferenza sono disponibili su:
www.fast.mi.it/gs2018/conferenza.pdf
Remo Lucchi è Laureato in Economia e Commercio; è fondatore di Eurisko, Istituto italiano di ricerche sociali sui consumi e sulla comunicazione, dove è stato responsabile di alcune delle principali ricerche fra le quali Sinottica. Per anni docente universitario, è stato amministratore delegato di GfK Eurisko, l’istituto risultante dalla fusione di Eurisko con la sede italiana di GfK, uno dei più importanti network di ricerca del mondo. Ora è presidente dell’Advisory Board di Eumetra MR, Istituto indipendente di ricerca sociale e di mercato.

CONFERENCE OF THE SALVETTI FOUNDATION
FOR THE YOUNG SCIENTISTS FORUM
Milano, March 25th, 2018
The future is no longer what it once was. Meeting with Remo Lucchi, sociologist.
The social changes of historical significance of the last 10-15 years are evident, which question the substantial continuity that the world has always had. Those who intend to become protagonists of the future must know the results of researches that are analyzing what has happened, is happening, will happen more and more with inevitable consequences. The speaker focuses on the following issues: the causes that led to the events; the consequences on the redefinition of the people's lifestyle project; the implications of this new project on the entire supply system (goods, products, services, communication, politics ...). Basically they are skipping all the logic of dependence that the people (the Demand) has always had towards the Offer, creating a surprising "horizontality" in the results. Remo Lucchi in particular drew attention to the 2030 Agenda of the United Nations, dedicated to sustainable development. Conference slides are available at: www.fast.mi.it/gs2018/conferenza.pdf
Remo Lucchi is a Graduate in Economics and Business; is the founder of Eurisko, the Italian Institute of social research on consumption and communication, where he was responsible for some of the main research projects including Sinottica. For years a University Professor, he has been CEO of GfK Eurisko, the Institute resulting from the merger of Eurisko with the Italian headquarters of GfK, one of the most important research networks in the world. He is now President of the Advisory Board of Eumetra MR, an independent Institute for social and market research.