2022**********

.  

ULTIME INFORMAZIONI PUBBLICATE / LATEST INFO ONLINE ON THIS SITE
Non ci sono link dalla Homepage. Vai nella barra laterale di sinistra e clicca sul nome della sezione segnalata.
There is no link from the Homepage. Go to the left sidebar and click on the name of the marked section.

Homepage: 1° ottobre 2022 = Manutenzione e rinnovamento. By Paolo Lutteri.
Media News: 28 settembre 2022 =
… chi ha vinto e chi ha perso non tradisca la democrazia
. By Paolo Lutteri.
Reports 2022: 19 settembre 2022 = Technology Report 2022. By Bain&Company.
Gallery: 17 settembre 2022 = Grandi città. By TrueNumbers.
Media News: 14 settembre 2022 = Votare con coscienza. By Paolo Lutteri.
Zoom: 13 settembre 2022 = Il nostro mondo è in grossi guai. By Segretario generale ONU António Guterres.
Zoom: 9 settembre 2022 =
Trasporti sostenibili - A colloquio con Carlo Togni.
Media News: 6 settembre 2022 = Sfide per il governo. By Paolo Lutteri.
Reports 2022: 3 settembre 2022 = Net zero e-conomy 2050. By Enel e The European House -Ambrosetti.

Homepage: 1° settembre 2022 = Crisi e governance planetaria. By Paolo Lutteri.
Gallery: 28 agosto 2022 = The public debt/GDP ratio in the European Union. By Eurostat.
Notizie/News: 26 agosto 2022 =
Concorso ‘I giovani e le  scienze 2023’.
Reports 2022: 18 agosto 2022 = International Public Opinion on Climate Change, 2022. By Meta e Yale University.
Premiazioni/Awards: 8 agosto 2022 =
EFNMS European Maintenance Manager Award. By Scholte Strikwerda.
Reports 2022: 1° agosto 2022 = Ipsos Update – August 2022. By Ipsos Knowledge Center.
Homepage collection: 1° agosto 2022 = La visione del futuro. By Paolo Lutteri.


1° ottobre 2022
Manutenzione e rinnovamento
Inquinamento cielo-terra-mare, mutazioni climatiche, inondazioni costiere, uragani straordinari, siccità, pestilenze, colture alimentari interrotte, rifiuti non degradabili, carenze energetiche, interruzioni trasporti e commerci, conflitti armati, sabotaggi cybernetici, epidemie, migrazioni umane, povertà …
Né complotti mirati né apocalisse involontaria. Ma ‘grandi manovre dei grandi poteri’: sì. E ‘pericolo ecologico globale’: sì. Mentre noi parliamo di manutenzione e rinnovamento, di efficienza delle infrastrutture, di perfezionamento tecnologico degli impianti, di migliore formazione professionale e civile, chi guida le grandi potenze in modo elitario conduce guerre di supremazia sopra le teste degli umani, sia con trasparente arroganza sia con operazioni segrete per i cittadini.
Ahinoi! L’Europa è divisa, così come è divisa la cultura occidentale, proprio quella che ha fondato la logica, la democrazia, la libertà e il diritto. Se non riusciremo ad avere una coscienza comune, sia pure in una larga gamma creativa di idee sociali, le ‘grandi manovre’ e i ‘pericoli ecologici’ ci assoggetteranno ancor più di oggi.
Non possiamo dare semplicemente le colpe al capitalismo liberale industriale; le industrie dei regimi autocratici inquinano di più; le persone qualunque gettano rifiuti qualunque dappertutto. L’organizzazione nel mondo procede a velocità diverse, separando sempre più le fasce ricche da quelle povere. La disuguaglianza non è solo una questione economica, ma di costumi e tendenze indotte.
Complotti e apocalissi sono spesso gli ingredienti dello spettacolo. Rifiuto di avallare acriticamente la letteratura e la cinematografia grottesca e catastrofica nella quale ci fanno adagiare i registi dell’editoria e del botteghino, quasi volessero compiacerci con le avventure di supereroi inesistenti, che nascondono gli antagonismi sociali veri. Crimini e sciagure fanno appeal, sono una distrazione. E comunque le denunce dell’attualità fanno meno ascolti di uno spettacolo di calciatori o di ballerine.
In questo scenario, rigetto il pessimismo e la sensazione di impotenza. I complotti veri e le apocalissi imminenti forse si possono evitare con una coscienza comune e un’azione tecnologica planetaria.
Lasciatemi immaginare una manutenzione straordinaria della nostra civiltà. Dobbiamo costringere le governances a volerla, generazione dopo generazione. L’apocalisse totale si può almeno allontanare. Intanto ognuno di noi potrebbe fare qualcosa nel suo giardinetto e potremmo allargare i punti di convergenza per gestire la professione e la vita civile intorno a noi. Non ci sarà una sola strada, né un solo modo per andare d’accordo, né sulla tecnica né sulla filosofia di vita. Ma dobbiamo provarci.
   Paolo Lutteri
Direttore Centro Documentazione Formazione Fondazione Salvetti

Come una biblioteca, le pagine di questo sito vogliono contribuire allo sviluppo sostenibile della società umana, offrendo strumenti di conoscenza e di formazione tecnologica e scientifica per contribuire al progresso e per la cultura della migliore manutenzione della produzione industriale e dei servizi commerciali.

October 1st, 2022
Maintenance and renovation
Sky-land-sea pollution, climate change, coastal flooding, extraordinary hurricanes, drought, pestilence, disrupted food crops, non-degradable waste, energy shortages, transport and trade disruptions, armed conflicts, cybernetic sabotage, epidemics, human migration, poverty ...
Neither targeted conspiracy nor involuntary apocalypse. But 'great skulduggery by the great powers': yes. It is 'global ecological danger': yes. While we speak of maintenance and renovation, of infrastructure efficiency, of technological improvement of plants, of better professional and civil education, those who lead the great powers in an elitist way are waging wars of supremacy over the heads of humans, both with transparent arrogance and with covert operations for citizens.
Alas! Europe is divided, just as Western culture is divided, the very one that founded logic, democracy, freedom and law. If we fail to have a common conscience, albeit in a wide creative range of social ideas, the 'big skulduggeries' and the 'ecological dangers' will subject us even more than today.
We cannot simply blame liberal industrial capitalism; the industries of the autocratic regimes pollute more; ordinary people throw garbage everywhere. The organization in the world proceeds at different speeds, increasingly separating the rich from the poor. Inequality is not just a question of economics, but of induced customs and trends.
Conspiracies and apocalypses are often the ingredients of the show. I refuse to uncritically endorse the grotesque and catastrophic literature and cinematography in which publishing and box office directors make us recline, as if they wanted to please us with the adventures of non-existent superheroes, who hide true social antagonisms. Crimes and disasters appeal, they are a distraction. And in any case, the complaints of current events make fewer ratings than a show of footballers or dancers.
In this scenario, I reject pessimism and the feeling of helplessness. True conspiracies and imminent apocalypses can perhaps be avoided with a common conscience and planetary technological action.
Let me imagine an extraordinary maintenance of our civilization. We have to force the governments to want it, generation after generation. The total apocalypse can at least be moved away. Meanwhile, each of us could do something in his garden and we could broaden the points of convergence to manage the profession and civil life around us. There will be no one way, no one way to get along, neither on technique nor on philosophy of life. But we have to try.
   Paolo Lutteri
Director of the Salvetti Foundation Documentation Education Center

.
Like a library, the pages of this website want to contribute to the sustainable development of human society, offering tools for knowledge and technological and scientific education, in order to support the progress and culture of the best maintenance of industrial production and commercial services.

Nel video, Stefano Salvetti, Presidente della Fondazione Salvetti, ne illustra nell'intervista la missione e le attività


In the video, Stefano Salvetti, President of the Salvetti Foundation, talks about its mission and activities.