2021************

.  

ULTIME INFORMAZIONI PUBBLICATE / LATEST INFO ONLINE ON THIS SITE
Non ci sono link dalla Homepage. Vai nella barra laterale di sinistra e clicca sul nome della sezione segnalata.
There is no link from the Homepage. Go to the left sidebar and click on the name of the marked section.

Media News: 2 dicembre 2021 = Alle origini del Bit - Top500.org - Il palindromo numerico.
Homepage
: 1° dicembre 2021 = Presenti! Di Paolo Lutteri.
Premiazioni/Awards: 30 novembre 2021 = AIMAN - 2° Italian Maintenance Manager Award.
Media News: 25 novembre 2021 = Audience e merito - Il ventaglio dell'entropia - Tormentone no-vax.
Reports 2021: 23 novembre 2021 = Il digitale in Italia 2021 - Previsioni 2021-2024. By Confindustria digitale, Anitec-Assinform.
Media News: 18 novembre 2021 = Quanta energia - Volenti o nolenti - Transizione ecologica domestica.
Gallery: 13 novembre 2021 = Indice di digitalizzazione dell'economia e della società (DESI) 2021.
Media News: 11 novembre 2021 = Tipping points - Cingolani da Glasgow - Escapismo.
Notizie/News: 10 novembre 2021 = I giovani e le scienze 2022: il percorso verso il futuro.
Media News: 4 novembre 2021 = Streaming pollution - Big tech e tv - Copertura tv.
Notizie/News: 2 novembre 2021 = Nasce la Global Energy Alliance.
Homepage: 1° novembre 2021 = Superpotenze. Di Paolo Lutteri.




1° dicembre 2021
Presenti!
Come Fondazione Salvetti la manutenzione del mondo resta il nostro obiettivo, non solo ‘lubrificando’ o ‘aggiustando’ impianti e monitorando strutture, ma soprattutto prevenendo guasti e disagi. A proposito di guasti e disagi del mondo i recenti meeting G20 a Roma e Cop26 a Glasgow sono stati trasparenti e precisi sui rischi che stiamo correndo. Dei rimedi e della manutenzione non ci sono ancora piani globali completamente condivisi. I condòmini del nostro pianeta, poco più di un granello di polvere nel cosmo, sono litigiosi più che nel palazzo dove abitiamo quotidianamente. E come in un condomìnio gli amministratori-governanti sono sempre sotto critica per inefficienza, se non per soperchierie ai danni dei residenti.
Eppure cose da fare ce ne sono, la fantasia non manca. Ecco qualche esempio, solo per aprire qualche finestra.
Uno. C’è chi decide di piantare alberi per migliorare la qualità della vita e il benessere dei cittadini attraverso lo sviluppo di boschi urbani e periurbani. Il progetto italiano è del Ministero della Transizione Ecologica con l’obiettivo di piantare almeno 6,6 milioni di alberi contribuendo a preservare e valorizzare la naturalità diffusa e la biodiversità, ridurre l’inquinamento atmosferico nelle aree metropolitane, aiutando così a proteggere la salute umana, recuperare i paesaggi antropizzati, frenare il consumo di suolo e ripristinare i suoli utili. Per conto suo la Cina, in tempi recenti, ha piantato già 66 miliardi di alberi in zone che ne erano prive.
Due. C’è chi decide di utilizzare la trasmissione dell'energia senza fili (a microonde), costruendo stazioni nello spazio per assorbire direttamente l'energia solare e convertirla in elettricità. Il progetto cinese stima una produzione da 10 a 14 Kw per metro quadrato di celle fotovoltaiche collocate in un'orbita geosincrona a un'altitudine di circa 36.000 chilometri dalla superficie terrestre. Gli Stati Uniti d’America hanno fatto un modello di centrale spaziale da 5 GW, al costo di 250 miliardi di dollari (tecnicamente fattibile, ma forse non realizzabile economicamente). Anche il Giappone sta provando a costruire una centrale elettrica spaziale commerciale entro il 2050.
Tre. Intanto c’è chi si prepara a costruire centrali nucleari sulla Luna. La NASA ha lanciato un bando per un reattore nucleare come base per le missioni nel sistema solare. Un reattore nucleare trasportabile, se sopravvive al lancio e all’atterraggio, che produca potenza continua per almeno 10 anni; completamente autonomo poiché non può fare affidamento sul coinvolgimento di nessuno per l’avvio, lo spegnimento, il funzionamento o la manutenzione del sistema. Da lì una rete elettrica per le basi lunari degli astronauti. Anche la Russia aspira a realizzare un reattore nucleare sulla superficie lunare, entro il 2035.
Qui nelle nostre città siamo ancora alle campagne di informazione per il rispetto ambientale, la raccolta e separazione dei rifiuti, la riduzione degli sprechi, la riparazione delle buche stradali e la sistemazione di altri tanti-tanti elementari comportamenti civili, che sono ancora incivili. Acqua, cibo e salute per i poveri del mondo purtroppo sono un problema secondario per i ricchi del mondo, rispetto alle esigenze di ordine e pulizia della convivenza ‘borghese’ …
Dovremmo richiamarci all’attenzione delle innovazioni tecnologiche per salvare il pianeta, tipo intelligenza artificiale, robotica, internet of things, biotecnologie, nanotecnologie, reti neurali, superconduttori (cose da transumani ambiziosi e complottisti illuminati), ma non abbiamo ancora risolto le questioni fondamentali dei diritti e dei doveri. La civiltà delle macchine non può essere una soluzione etica, se non per un’élite autoreferente che non ama la democrazia e preferisce i sudditi (o i consumatori). Vorrei non ci fossero in questa élite quelle società big tech, egemoni per via dell’arsenale tecnologico, della raccolta di capitali e di investimenti in ricerca di continua leadership. Ma ci sono.
Noi persistiamo nel voler manutenere il mondo, con una formazione scientifica ed economica dello sviluppo umano naturalmente ed eticamente sostenibile, per un benessere globale, nonostante le democrazie imperfette e le contraddizioni del nostro fragile ego. Parliamone, per capirci meglio.
    Paolo Lutteri
Direttore Centro Documentazione Formazione Fondazione Salvetti
(Nell’immagine una simulazione grafica della stazione solare, da China Daily)

.
.

Come una biblioteca, le pagine di questo sito vogliono contribuire allo sviluppo sostenibile della società umana, offrendo strumenti di conoscenza e di formazione tecnologica e scientifica per contribuire al progresso e per la cultura della migliore manutenzione della produzione industriale e dei servizi commerciali.

December 1st, 2021
Here we are!
As the Salvetti Foundation, the maintenance of the world remains our goal, not only by 'lubricating' or 'fixing' systems and monitoring structures, but above all by preventing breakdowns and inconveniences. Speaking of failures and inconveniences in the world, the recent G20 meetings in Rome and Cop26 in Glasgow were transparent and precise on the risks we are running. There are still no fully shared global plans for remedies and maintenance. The inhabitants of the Condominium of our planet, little more than a speck of dust in the cosmos, are more quarrelsome than in the building where we live every day. And as in a condominium, the administrators-rulers are always under criticism for inefficiency, if not for abuse of the residents.
Yet there are things to do, the imagination is not lacking. Here are some examples, just to open a few windows.
One. Some people decide to plant trees to improve the quality of life and well-being of citizens through the development of urban and peri-urban forests. The Italian project is of the Ministry of Ecological Transition with the aim of planting at least 6.6 million trees helping to preserve and enhance the widespread naturalness and biodiversity, reduce air pollution in metropolitan areas, thus helping to protect human health, recovering man-made landscapes, curbing land consumption and restoring useful soils. On its own, China has, in recent times, already planted 66 billion trees in areas that lacked them.
Two. Some other states decide to use wireless (microwave) energy transmission, building stations in space to directly absorb solar energy and convert it into electricity. The Chinese project estimates a production of 10 to 14 Kw per square meter of photovoltaic cells placed in a geosynchronous orbit at an altitude of about 36,000 kilometers from the earth's surface.
The United States of America has made a 5 GW model of a space plant, at a cost of $ 250 billion (technically feasible, but perhaps not economically feasible). Japan is also trying to build a commercial space power plant by 2050.
Three. Meanwhile, some states are preparing to build nuclear power plants on the Moon. NASA has launched a ban on a nuclear reactor as a base for missions in the solar system. A transportable nuclear reactor, if it survives launch and landing, which produces continuous power for at least 10 years; completely autonomous as it cannot rely on anyone's involvement for system startup, shutdown, operation or maintenance. From there an electrical grid for the astronauts' lunar bases. Russia also aspires to build a nuclear reactor on the lunar surface by 2035.
Here in our cities we are still in the information campaigns for environmental respect, the separation and  reduction of waste, the repair of road holes and the arrangement of many other elementary civil behaviors, which are still uncivilized. Unfortunately, water, food and health for the world's poor are a secondary problem for the world's rich, compared to the need for order and cleanliness of 'bourgeois' coexistence ...
We should pay attention to technological innovations to save the planet, such as artificial intelligence, robotics, internet of things, biotechnology, nanotechnology, neural networks, superconductors (things from ambitious transhuman and enlightened conspiracy theorists), but we have not yet solved the fundamental questions of rights and duties. The civilization of machines cannot be an ethical solution, if not for a self-referring elite that does not like democracy and prefers subjects (or consumers). I wish there were not in this elite those big tech companies, hegemonic because of the technological arsenal, the raising of capital and investments in search of continuous leadership. But there are.
We persist to maintain the world, with a scientific and economic education of naturally and ethically sustainable human development, for a global well-being, despite the imperfect democracies and the contradictions of our fragile ego. Let's talk about it, to understand each other better.
    Paolo Lutteri
Director of the Salvetti Foundation Documentation Education Center
(In the image a graphic simulation of the solar station, from China Daily)

..

..

Like a library, the pages of this website want to contribute to the sustainable development of human society, offering tools for knowledge and technological and scientific education, in order to support the progress and culture of the best maintenance of industrial production and commercial services.

Nel video, Stefano Salvetti, Presidente della Fondazione Salvetti, ne illustra nell'intervista la missione e le attività


In the video, Stefano Salvetti, President of the Salvetti Foundation, talks about its mission and activities.