*******

Maintain space mission

Come una biblioteca, le pagine di questo sito vogliono contribuire allo sviluppo sostenibile della società umana, offrendo strumenti di conoscenza e di formazione tecnologica e scientifica per contribuire al progresso e per la cultura della migliore manutenzione della produzione industriale e dei servizi commerciali.

Luglio 2020
Manutenzione e saldature nello spazio
Già nel 1969 i sovietici della Soyuz-6 eseguirono esperimenti di saldatura all’interno e all’esterno del veicolo spaziale, testando la saldatura a fascio di elettroni, la saldatura ad arco al plasma e la saldatura ad arco con gas metallico.
La saldatura a freddo nello spazio in assenza di gravità tra due superfici dello stesso metallo è possibile ma presenta notevoli rischi. Le particelle fluiscono indistintamente tra un pezzo di metallo e l'altro come se fossero un unico blocco, fondendosi con pochissima pressione: se due metalli vengono a contatto tra di loro potrebbero fondersi fisicamente assieme senza che vi sia il calore a provocare la saldatura. I due pezzi di metallo possono saldarsi assieme con scarsa forza d’impatto, ovvero gli elettroni da un pezzo di metallo possono scorrere nell’altro, per esempio nelle cerniere di un portello. In realtà le superfici di metallo non sono quasi mai completamente pulite, hanno strati ossidati, ma anche polveri e lubrificanti, perciò non sarebbe semplice che si saldassero da sole a freddo. Tuttavia l’Agenzia spaziale europea (ESA) raccomanda di preferire l’utilizzo di plastiche e ceramiche per evitare contatti di metalli su metalli in movimento, di cercare di usare leghe di metalli diverse per ridurre il rischio di saldatura a freddo, di utilizzare strati di protezione duraturi sui metalli. Il fenomeno ha implicazioni enormi per le missioni spaziali di lungo corso e il mantenimento di stazioni spaziali.


Like a library, the pages of this website want to contribute to the sustainable development of human society, offering tools for knowledge and technological and scientific education, in order to support the progress and culture of the best maintenance of industrial production and commercial services.

July, 2020
Maintaining and welding in the space
Already in 1969 the Soviets of Soyuz-6 performed welding experiments inside and outside the spacecraft, testing electron beam welding, plasma arc welding and arc welding with metallic gas. Cold welding in the gravity-free space between two surfaces of the same metal is possible but presents significant risks. The particles flow indistinctly between a piece of metal and the other as if they were a single block, melting with very little pressure: if two metals come into contact with each other they could physically melt together without the heat causing the welding. The two pieces of metal can weld together with little impact force, or electrons from one piece of metal can slide into the other, for example in the hinges of a door. In reality, metal surfaces are almost never completely clean, they have oxidized layers, but also powders and lubricants, therefore it would not be easy for them to weld themselves in cold. However the European Space Agency (ESA) recommends to prefer the use of plastics and ceramics to avoid metal contacts on moving metals, to try to use different metal alloys to reduce the risk of cold welding, to use layers of lasting protection on metals. The phenomenon has huge implications for long-running space missions and the maintenance of space stations.
Photo NASA - http://spaceflight.nasa.gov/gallery/images/station/crew-10/html/iss010e24875.html

Nel video, Stefano Salvetti, Presidente della Fondazione Salvetti, ne illustra nell'intervista la missione e le attività


In the video, Stefano Salvetti, President of the Salvetti Foundation, talks about its mission and activities.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner